Le “spese ambientali”

Le spese ambientali che il Gruppo rendiconta, limitatamente alle società del Gruppo che già dispongono di un sistema di contabilità ambientale (circa il 90% del totale), sono definite, a livello europeo, come «il costo degli interventi intrapresi da un’impresa, direttamente o ttraverso terzi, al fine di prevenire, ridurre o riparare danni all’ambiente derivanti dalle sue attività operative»92.
Le spese ambientali 2013, ripartite in investimenti e spese correnti, sono pari a circa 103 milioni di euro (vedi tabella n. 64).


TABELLA N. 64 - SPESE AMBIENTALI DELLE PRINCIPALI SOCIETÀ OPERATIVE (2011-2013)

società del Gruppoinvestimenti (milioni di euro)spese correnti (milioni di euro)
 201120122013201120122013
Acea Produzione 13,59 15,09 1,05 0,37 0,79 0,77
Gruppo ARIA (*) 0,01 0,0 0,0 6,10 7,91 8,67
Aquaser (**) 0,40 0,81 0,19 0,99 1,05 0,91
Acea Distribuzione 0,38 0,71 0,40 1,44 0,40 (***) 0,22
gestioni idriche (****) 72,00 70,24 64,73 4,94 30,18 25,70
totale86,3885,2466,3713,8440,32 36,27
(*) Spese riferite ai due impianti di termovalorizzazione.
(**) Spese riferite ai due impianti di compostaggio.
(***) Dato modificato, rispetto al pubblicato 2012, in rettifica ad un errore di trascrizione
(****) LaboratoRI, Acea Ato 2, Acea Ato 5, Publiacqua, Acquedotto del Fiora, Umbra Acque e Acque.
 

La Raccomandazione 2001/453/CE include tra le spese ambientali anche quelle per la gestione dei rifiuti. Le società idriche del Gruppo, produttrici di grandi quantità di fanghi di depurazione e di altri residui industriali, hanno speso per il loro smaltimento nel 2013 circa 31,4 milioni di euro, che si sommano ai totali riportati nella tabella.

92 Vedi Raccomandazione 2001/453/CE.