La ricerca

Le attività di ricerca e sviluppo sono svolte dalle società operative del Gruppo, nelle diverse aree di business. Vengono soprattutto promosse e finanziate, iniziative di innovazione tecnologica, spesso in sinergia con enti di ricerca ed istituti scientifico-accademici (vedi anche Le relazioni socio-economiche con gli stakeholder, capitolo Istituzioni e impresa). Di seguito si indicano alcuni tra i principali progetti in corso di sviluppo.

  • Acea Distribuzione:
    • progetto pilota Smart grid, per lo sviluppo di soluzioni innovative per l’integrazione della generazione distribuita e il miglioramento della continuità del servizio; i lavori del progetto pilota, sono proseguiti sino a completamento nel 2013 ed è prevista una fase di monitoraggio per tutto il 2014;
    • progetto Smart-network Management System: evoluzione tecnologica nella gestione della rete di distribuzione elettrica con l’obiettivo di migliorare la gestione delle reti elettriche di distribuzione a media e bassa tensione della città di Roma;
    • ulteriori approfondimenti nell’innovazione tecnologica applicata alle reti di distribuzione dell’energia: in particolare è stato avviato il progetto inerente allo Storage Distribuito su una dorsale in media tensione.
  • Acea Ato 2:
    • in collaborazione con la società LaboratoRI: attività di studio delle reti di distribuzione e ricerca perdite in base all’approccio della “distrettualizzazione” previsto dal Decreto Ministeriale 99/97; nel 2013 tale attività è stata portata avanti principalmente nei comuni di Fiano Romano e Velletri. In collaborazione con LaboratoRI, Acea Ato 2 sviluppa anche altre attività di studio e ricerca (vedi tabella 92).
  • Umbra Acque:
    • progetto Life Palm (Pump and leakage management), cofinanziato dall’Unione Europea. Il progetto, avviato nel 2010, è terminato a settembre 2013. Lo scopo è stato quello di realizzare uno strumento che consentisse di raggiungere e mantenere gli obiettivi di perdita “minima”, ottimizzando i sistemi di pompaggio per limitare i costi energetici e gestionali. A conclusione del progetto la ricerca perdite ha permesso un recupero di circa 15 l/s in due distretti specifici;
    • progetto AERE, finalizzato all’incremento dell’efficienza energetica negli impianti di trattamento delle acque reflue. Il progetto è stato, sviluppato in collaborazione con l’Unità di Ricerca di Ingegneria Sanitaria Ambientale dell’Università di Firenze e con altre società italiane di primaria importanza nella gestione dei Sistemi Idrici Integrati, si è concluso nel 2013;
    • progetto Life “From Urban Wastewater Treatment Plant to Self Sustainable Integrated Platform for Wastewater Refinement” è in corso presso un impianto di depurazione di Perugia. Prevede la realizzazione di una piattaforma per lo smaltimento di rifiuti liquidi e per la produzione di biogas da utilizzare per la cogenerazione.
  • Publiacqua:
    • sistema di controllo e riduzione perdite di rete. Per quanto attiene la ricerca sistematica delle perdite idriche, nel 2013 è stato completato il piano biennale 2012-2013 di ricerca sistematica che interessava i sistemi idrici ad elevato rischio di criticità per un totale di 2.559 km di rete analizzata.
  • Acquedotto del Fiora:
    • proseguite le campagne di ricerca perdite. Per una decina di comuni lo studio idraulico, la ricerca perdite e l’individuazione di interventi di gestione delle pressioni sono stati completati, per altri 6 comuni gli studi sono in corso; 
    • sono stati eseguiti nel 2013 interventi volti all’ottimizzazione energetica di alcuni impianti, come ad esempio l’installazione di un nuovo gruppo di pompaggio presso la stazione di sollevamento di Raspollino con ottimizzazione del sistema di telecontrollo ad essa asservito;
    • si è sviluppato uno studio, con test, delle modalità di funzionamento del campo pozzi di Grosseto con acquisto di nuove pompe per i pozzi maggiormente energivori. La loro posa e l’eventuale implementazione di asservimento ad inverter è prevista per il 2014;
    • sono stati inoltre attivati nuovi punti di telecontrollo grazie ai quali è stato possibile eseguire importanti campagne di analisi energetica e programmare interventi di ottimizzazione per il 2014.
  • LaboratoRI:
    • attività di ricerca perdite: sono state individuate diverse perdite significative per la rete di Fiano Romano, con riparazioni ed evidenti benefici sulla rete. In particolare, nel corso dell’intero primo semestre del 2013 sono state costantemente tenute sotto controllo le portate e le pressioni per mezzo campagne di misura. È stato possibile monitorare il miglioramento del funzionamento della rete a seguito degli interventi effettuati. Allo stato attuale sono state risolte le criticità manifestate nel 2012. È stato progettato e verificato, tramite il modello, un ulteriore miglioramento dell’assetto della rete, utile a fronteggiare i maggiori consumi attesi nel periodo estivo. Un progetto di ricerca perdite è stato avviato anche per il Comune di Velletri: è in corso la costruzione del modello matematico;
    • è proseguito uno studio di interventi di risanamento con riferimento al Tevere e all’Aniene. La prima fase, condotta con l’Università di Roma La Sapienza è stata la determinazione dello stato di qualità biologico-fluviale, ai sensi della Direttiva 2000/60/CE, con l’obiettivo di ricavare anche correlazioni tra parametri chimici e indici biologici/idrometrici;
  • altri studi/ricerche sviluppate nell’anno:
    • la verifica funzionale di impianti di trattamento acque potabili per Acea Ato 5;
    • studi dell’instabilità delle acque e dei fenomeni di precipitazione nei sistemi idrici dei Comuni di Sora, Ripi, Veroli e Ferentino – Acea Ato 5;
    • studio di Impatto Ambientale per gli interventi di ammodernamento e riqualificazione della centrale di cogenerazione di Tor di Valle di Acea Produzione;
    • consulenza per la gestione e ottimizzazione dell’impianto di trattamento a Osmosi Inversa delle acque di spremitura del pulper, asservito all’impianto di termovalorizzazione di Terni - A.R.I.A;
    • analisi delle performance e ottimizzazioni tecnologiche dell’impianto di prima pioggia del polo impiantistico di SAO, in località Pian del Vantaggio, Orvieto.<--pagebreak->

Come ormai avviene da diversi anni, molteplici attività di ricerca in ambito idrico ambientale vengono svolte congiuntamente da LaboratoRI e Acea Ato 2 (vedi tabella n. 92).

TABELLA N. 92 - PRINCIPALI ATTIVITÀ DI RICERCA SVOLTE DA LABORATORI E ACEA ATO 2

Tabella 92