I consumi energetici

Nel seguito si illustrano i consumi energetici diretti del Gruppo, vale a dire quelli che implicano l’utilizzo di fonti primarie per il funzionamento del sistema produttivo, compresi i consumi per generazione di energia elettrica e termica (tabella n. 82) e i combustibili impiegati per il parco auto (tabella n. 83).

TABELLA N. 82 – CONSUMI DIRETTI DI ENERGIA DEL GRUPPO ACEA (2011-2013)

energia per fonte201120122013
TJ
(GWh)
metano (per generazione elettrica, teleriscaldamento e per riscaldamento uffici) 534,2
(148,4)
498,0
(138,3)
652,0
(181,1)
gasolio (per generazione elettrica e per riscaldamento uffici) 87,3
(24,2)
46,4
(12,9)
35,2
(9,8)
CDR/CSS e pulper (waste to energy) 2.376,8
(660,2)
3.273,8
(909,4)
4.446,5
(1.235,1)
benzina (autotrasporto) 20,7
(5,8)
26,9
(7,5)
20,8
(5,8)
diesel (autotrasporto) 19,8
(5,5)
29,7
(8,3)
24,4
(6,8)
GPL (riscaldamento) 0,6
(0,2)
0,6
(0,2)
0,6
(0,2)
totale EN3 3.039,3
(844,3)
3.875,4
(1.076,5)
5.179,5
(1.438,7)

NB: i dati includono A.R.I.A., Acea Produzione, Acea SpA, Acea Ato 2, Acea Distribuzione e Acea Produzione.

Considerando che 1 TJ circa 23,9 tep, l’indicatore GRI-G3.1 EN3 = (5.179,5 x 23,9) = 123.790,1 tep

TABELLA N. 83 - CONSUMI AUTOPARCO ACEA (2011- 2013)

consumi autoparco201120122013
benzina
l 639.227,8 831.595,2 643.912,2
TJ 20,7 26,9 20,8
gasolio
l 566.066,1 848.330,4 697.739,20
TJ 19,8 29,7 24,4

NB:   il perimetro dei consumi dell’autoparco include, fino al 2011: Acea SpA, Acea Distribuzione, Acea Reti e Servizi Energetici, LaboratoRI, Acea Produzione, Acea Energia, Acea Ato 2 e Marco Polo. Dal 2012 include anche Acea Ato 5.

Nella tabella n. 84 vengono indicati i consumi indiretti di energia, cioè l’energia elettrica utilizzata nel Gruppo, comprese le perdite che si verificano nella  rete  di  distribuzione  di  Roma,  imputabili  alle  fasi  di trasformazione  e  trasporto.

TABELLA N. 84 – CONSUMI INDIRETTI DI ENERGIA DEL GRUPPO ACEA (2011-2013)

201120122013
TJ (GWh)
perdite energia elettrica sulle reti di distribuzione e trasporto 1.692,4
(470,1)
1.377,4
(382,6)
1.512,7
(420,2)
perdite e autoconsumi nella produzione di energia elettrica 144,7
(40,2)
169,9
(47,2)
182,5
(50,7)
perdite di calore nella rete di teleriscaldamento 59,0
(16,4)
41,8
(11,6)
82,1
(22,8)
consumi per illuminazione pubblica 582,0
(161,7)
583,9
(162,2)
582,1
(161,7)
consumi elettrici per impianti di gestione rifiuti (*) - - 18,4
(5,1)
consumi elettrici per distribuzione acqua potabile e non potabile 1.736,3
(482,3)
1.765,1
(490,3)
1.618,6
(444,7)
consumi elettrici per depurazione acqua reflua 1.066,7
(296,3)
1.069
(297,0)
1.095,5
(304,3)
consumi di energia elettrica per gli uffici 37,4
(10,4)
37,4
(10,4)
41,4
(11,5)
totale consumi indiretti di energia 5.318,5
(1.477,4)
5.044,6
(1.401,3)
5.115,6
(1.421,0)

NB:   i dati del triennio includono i consumi di A.R.I.A., Acea Produzione, Acea Distribuzione, Acea Reti e Servizi Energetici, Acea SpA e le società idriche incluse nel perimetro di rendicontazione del capitolo.
Per la quantificazione dei consumi di energia elettrica in termini di fonti primarie si può considerare il mix medio italiano delle fonti energetiche pubblicato dal GME nella Relazione annuale 2012. In particolare: gas naturale e altri combustibili gassosi, circa 40%; prodotti petroliferi, circa 4%; combustibili solidi, circa 21%; rinnovabile, circa 25%; importazioni, circa 10%.